Il 25 maggio incontro con Daniele Nahum sul diritto all’asilo (nido). Intervengono tagesmutter, maestre d’asilo, psicoterapeute ed Easy Mamma

By 0 Comment
150415tagesmutter_ok

“Il diritto all’asilo nido è fondamentale per le giovani famiglie – sostiene Daniele Nahum, candidato al Consiglio comunale nella lista Pd – Milano può promuovere un progetto guida per adeguare l’offerta degli asili nido e far sì che ogni famiglia possa farvi affidamento e che ogni donna possa ricollocarsi facilmente sul lavoro dopo la gravidanza. Partiamo dall’esperienza delle tagesmutter e incentiviamo la creazione di asili nido domestici”.

Se ne parla in un incontro pubblico mercoledì 25 maggio, alle ore 20,45, al Cam di corso Garibaldi 27.

Intervengono:

Daniele Nahum, candidato Pd al Comune di Milano,
Valentina Bensi, presidente dell’associazione Easy Mamma,
Marina Ceresa e Rosanna Gualtieri, maestre tagesmutter,
Cinzia D’Alessandro, titolare e responsabile educativa dell’asilo nido la Locomotiva di Momo,
Chiara Scurati, psicoterapeuta dell’età evolutiva, del centro IELED – Milano,
Laura Gutman, consulente per l’educazione.

Modera Davide Re, giornalista di Avvenire.

La proposta di Daniele Nahum prevede che il Comune da un lato finanzi e certifichi la formazione di un congruo numero di “mamme di giorno” (traduzione letterale di tagesmutter), e dall’altro contribuisca al pagamento delle rette, non a pioggia ma seguendo un criterio di proporzionalità in base al reddito. Questo sistema, grazie alla sua grande flessibilità, rende possibile un notevole risparmio rispetto alle rette degli asili a tempo pieno (giorni e orari sono concordati con la tagesmutter), ma oggi, senza l’impegno del Comune, resta un servizio che pochissime famiglie possono permettersi.
“A Milano mi risulta che solo 65 bambini ne usufruiscano attualmente. Invece possiamo allargare questo servizio, diffonderlo in centro e nelle periferie – spiega Daniele Nahum – e supplire in gran parte alla cronica carenza di posti negli asili tradizionali e alla loro inevitabile mancanza di flessibilità oraria. Sostenere le madri che lavorano non è solo giusto e doveroso, è anche un modo per far girare l’economia: le tagesmutter sono a tutti gli effetti delle lavoratrici, ma soprattutto è dimostrato che nei paesi dove è più alta l’occupazione femminile le economie sono più forti”.

#milanodentro

Per contatti: ufficio stampa FreeMedia sc – Saverio Paffumi, saveriopaffumi14@gmail.com – cell. 338 6635089

Leave a Comment