Papà libico e mamma pugliese, dunque un milanese vero!

Nato a Milano trentatré anni fa, sono stato Presidente dell’Unione Giovani Ebrei d’Italia per tre anni.

Orgoglioso che durante il mio mandato all’associazione sia stato conferito l’Ambrogino d’Oro per l’impegno nelle battaglie sui diritti umani nel mondo e l’integrazione delle minoranze in Italia.

Ho ricoperto l’incarico di Vice Presidente della Comunità Ebraica di Milano dal 2010 al 2012, e responsabile dei rapporti istituzionali, fino al dicembre del 2013.

Ho fatto parte del Comitato Nazionale di Radicali Italiani e sono stato Tesoriere dell’Associazione Radicale Enzo Tortora.

Sensibile ai temi culturali, ho curato il Festival” Dialogando”, a Bassano del Grappa, e sono tra gli ideatori di uno dei progetti più innovativi sul tema dell’integrazione in chiave digitale:” L/HUB conoscere la realtà dell’intercultura“, rivolto agli studenti degli istituti scolastici secondari.

Sono convinto che solo chi fatica col lavoro può proporre soluzioni politiche concrete e vicine alla gente.
Ecco perché sono fiero di fare il cuoco per l’attività di ristorazione della mia famiglia, Tuv Taam.

Dal dicembre 2013 sono il responsabile Area Cultura del Partito Democratico di Milano e Provincia.

Dal 18 luglio 2014 la mia vita è cambiata in maniera meravigliosa, con la nascita di mia figlia Sofia: la cosa più importante di tutte.

PERCHÉ MI CANDIDO

Il mio impegno politico di questi anni si è rivolto sempre a questa città.
Mi sono speso in prima persona, rappresentando prima la mia Comunità e poi il Partito Democratico.

Amo profondamente Milano – e i suoi abitanti – e proprio per questo mi sono messo al suo servizio, con la mia candidatura alle prossime amministrative.

Per carattere e storia personale, ho a cuore da sempre il rispetto delle minoranze, l’integrazione e la valorizzazione delle diversità: temi oggi più che mai attuali.

Voglio dare il mio contributo per incidere davvero concretamente, al di là di ogni retorica, nel migliorare la vita dei cittadini.
Perché solo chi ha #Milanodentro può agire nell’interesse della collettività, in maniera autentica.

Mi aiutate a farlo insieme?

image1