Furlan dei City Angels: “Sono d’accordo con Daniele: consentiamo ai profughi di lavorare”

By 0 Comment
NAHUM-Furlan

“La legge attuale proibisce ai profughi di lavorare ed è quindi assurda: fa il male dei profughi e suscita sentimenti di ostilità nei loro confronti”. Questo è quanto ha affermato Mario Furlan, giornalista, fondatore e leader dei City Angels, il 5 maggio scorso, in occasione del lancio della campagna elettorale di Daniele Nahum. “Tanti di loro vogliono lavorare, vogliono darsi da fare e integrarsi ma attualmente non possono. Così la gente li vede in giro a non fare niente e dice: ‘I profughi che non fanno niente, mentre noi li dobbiamo mantenere’. Sono completamente d’accordo  con il programma di Daniele su questo punto – ha quindi aggiunto Furlan – perché è in linea con una proposta che ho fatto tempo fa: consentiamo ai profughi di svolgere lavori di pubblica utilità: contribuire alla pulizia dei parchi, tinteggiare i muri, tappare le buche nelle strade. Loro sarebbero contenti di farlo e la gente, al contrario direbbe: ‘Bene, ecco che si rendono utili’. Altrimenti  non solo non sanno che fare, ma siccome l’ozio è il padre dei vizi, alcuni di loro finiscono in giri strani”.

Ha infine concluso il fondatore dei City Angels: “Andrebbe poi corretta la grande differenza di trattamento tra profughi e senzatetto. Chi accoglie i profughi riceve un contributo di 30 – 40 euro al giorno, per un senzatetto si ricevono solo 5 euro, che ovviamente non coprono le spese. I senzatetto si indignano e noi riusciamo a mantenerli usando parte dei soldi che ci vengono dai profughi. Sono storture che vanno corrette”.

#milanodentro

Leave a Comment